mercoledí, 28 giugno 2017


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

gc32    vela d'epoca    nautica    vela    circolo savoia    centomiglia    andrea mura    america's cup    alinghi    optimist    giovanni soldini    suzuki    vele d'epoca    regate   

SURF

Anche la spiaggia laziale di Torre Capovento tra le migliori spiagge italiane per fare surf

Non c'è bisogno di volare fino in California o in Australia per cavalcare l'onda perfetta! Anche nel nostro paese ci sono località dove è possibile trovare onde alte e potenti, soprattutto in primavera e autunno. Le prime spiagge italiane che hanno radunato gli appassionati della tavola sono state quelle della Versilia, ma nel tempo i surfisti hanno scovato piccoli angoli di paradiso su tutte le coste dello stivale, che ogni anno richiamano centinaia di appassionati anche dall'estero che si cimentano in surf, windsurf e kitesurf. Partendo dalle preferenze dei suoi utenti che amano cavalcare le onde, il portale HYPERLINK "http://www.paesionline.it" PaesiOnLine ha individuato le 5 mete migliori per tutti gli appassionati di questo sport.

Partendo dai lidi più a nord, sul versante tirrenico gli utenti del portale segnalano Roccia di HYPERLINK "http://www.paesionline.it/portovenere/comune_portovenere.asp" Portovenere, nel Golfo di La Spezia, vicino all'Isola di Palmaria. Qui il vento raggiunge anche i 40 nodi, offrendo ai surfisti onde a tratti molto alte, spinte dai venti di nord-ovest e nord-est. Località estremamente raffinata ed elegante, Portovenere offre, però, un tratto molto ridotto di spiaggia effettivamente balneabile, e dunque bisogna fare attenzione agli scogli, ma senza rinunciare a uno dei surf-spot più belli di tutto il Mar Ligure.

Sul versante Adriatico marchigiano, invece, una meta perfetta si trova tra i rilievi del Conero e le sue acque cristalline, ovvero la Spiaggia dei Sassi Neri, vicino HYPERLINK "http://www.paesionline.it/marche/sirolo/comune_sirolo.asp" Sirolo. Qui il consiglio per i surfisti è quello di raggiungere il largo in barca, dove potranno cavalcare onde alte qualche metro durante le mareggiate, spinte dai venti provenienti da nord e sud-est. Si raggiunge facilmente da Ancona attraverso la litoranea per Sirolo, e non presenta alcun servizio. Un vero luogo incantato (e poco frequentato) per i surfisti più. solitari!

Tornando sul mar Tirreno, e scendendo più a sud, incontriamo la spiaggetta di Torre Capovento, a qualche chilometro da HYPERLINK "http://www.paesionline.it/sperlonga/comune_sperlonga.asp" Sperlonga, nel Lazio. Un piccolo paradiso non molto frequentato e per questo adatto ai surfisti che vogliono scoprire il rapporto "autentico" con il mare. Affiancata da un picco che la circonda lateralmente, Torre Capovento presenta le condizioni ideali per mareggiate piccole e medie, in condizioni di vento di scirocco o comunque proveniente dai quadrati sudoccidentali e sudorientali.

Passiamo ora alle grandi isole italiane, che per via delle particolari condizioni geografiche sono perfette per i cacciatori di onde! Il reef roccioso di Roachland, non lontano dalla Punta de Su Turrione, a pochi chilometri da HYPERLINK "http://www.paesionline.it/stintino/comune_stintino.asp" Stintino, è una delle località più amate dai surfisti in tutta la Sardegna. Affacciata appieno sul Mediterraneo occidentale, presenta una conformazione molto interessante con mareggiate che si spostano prevalentemente da ovest, spesso soggette a venti diretti molto forti, ideali per la formazione di onde alte diverse metri. Una località incontaminata, dove vengono organizzati appuntamenti sportivi come la Stintino Contest, amata da surfisti e windsurfisti.

Scendiamo ora nella calda Sicilia, dove a pochi chilometri da HYPERLINK "http://www.paesionline.it/palermo/comune_palermo.asp" Palermo troviamo la splendida baia di Mondello, una delle più belle e apprezzate dell'isola. Qui ogni anno si tiene la Merit Cup World Windsurf Festival, tra gli eventi italiani più famosi per il gran numero di windsurfer che ogni anno raggiungono il nostro paese da ogni parte del mondo per prendervi parte.


http://www.paesionline.it


18/07/2016 19:35:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Campionato Italiano Assoluto d’Altura: due prove per tutta la flotta

Ottimo avvio nelle acque di Monfalcone per il massimo appuntamento tricolore d’altura

36ma America's Cup: è Luna Rossa il Challenger of Record

Il Royal New Zealand Yacht Squadron accetta la sfida del Circolo della Vela Sicilia, che sarà il Challenger of Record della XXXVI America's Cup

Sled si porta al comando nella prima giornata dell'Audi Sailing Week

L'americano Sled timonato dall'armatore Takashi Okura ha condotto i giochi fin dal primo gate di poppa, con un distacco di circa 150 metri sul secondo classificato, l'inglese Alegre con alla tattica il velista di America's Cup, Andy Horton

Dopo il trionfo europeo Petite Terrible-Adria Ferries rientra in Italia per il terzo evento di stagione

Alcatel J/70 Cup, che prenderà il via venerdì 23 giugno grazie all'organizzazione di J/70 Italian Class, con il supporto della Fraglia Vela Riva

VIDEO: America's Cup: pedalando verso il traguardo

6 a 1 di New Zealand su Oracle incrociando le dita dopo il 9 a 8 di San Francisco

Silvia Zennaro sale in prima posizione nella terza giornata di regata a Kiel

Carolina Albano (CV Muggia) scende in 16° posizione a causa dei tre 14° posti di oggi e Valentina Balbi (YCI) scende anche lei in classifica e ora occupa la 23° posizione

Tutti i vincitori del Campionato Italiano Assoluto Altura "Trofeo Stroili"

Campionato Italiano Assoluto Vela d’Altura 2017 “Trofeo Stroili”: i vincitori assoluti e di classe. Le voci dei protagonisti, le storie di banchina, le emozioni di un Italiano da ricordare

Una frizzante prima giornata a Riva del Garda

Un pomeriggio tipico gardesano, con un'Ora inizialmente raffinata e tesa fino a 20 nodi, poi in diminuzione, ha assegnato la prima vittoria della serie alla neocampionessa europea Claudia Rossi a bordo di Petite Terrible-Adria Ferries

Marina di Scarlino: partito il raduno degli Swan classici

Diciotto le imbarcazioni partecipanti, dal celebre Swan 36 (il primo modello costruito in casa Nautor) allo Swan 76. Va in archivio con una splendida giornata di sole e vento termico il primo di tre giorni di veleggiate costiere

Inaugurato alla Marina di Scarlino il raduno degli Swan classici

Diciotto le imbarcazioni partecipanti, che vanno dal celebre Swan 36 (il primo modello costruito in casa Nautor) allo Swan 76. Tre giorni di veleggiate nelle acque del golfo

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci