martedí, 23 gennaio 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

pesca    azimut yacht    regate    giovanni soldini    press    ferreti group    azimut yachts    crn    volvo ocean race    porti    vela    fincantieri   

MINITRANSAT

Ambrogio Beccaria partito per la seconda tappa della Mini-Transat

ambrogio beccaria partito per la seconda tappa della mini transat
redazione

Dopo la grande performance della prima tappa in cui il giovane navigatore milanese si è posizionato sesto, con un distacco di poco più di 4 ore dal primo classificato, Beccaria è partito davvero alla grande per questa seconda, lunga tappa atlantica, aggiudicandosi la prima posizione che ha mantenuto per qualche ora. Grazie a un vento da Nord Est che si è stabilizzato appena dopo la partenza, soffiando fino a 20 nodi, Ambrogio naviga velocemente verso Capo Verde rimanendo sempre tra le prime sei posizioni.
Secondo l’ultimo routage meteo ci vorranno al massimo 5 giorni e 3 strambate vicino alla Costa Africana per raggiungere l’arcipelago di Capo Verde. La navigazione sarà caratterizzata da venti sostenuti alle andature portanti fino a che la flotta riuscirà ad agganciare alisei non particolarmente forti (attorno ai 14-17 nodi) che l’accompagneranno fino ai Caraibi.
Non ci sarà molto spazio per le strategie in questa seconda tappa perché all’ultimo momento il comitato di regata ha prudentemente deciso di porre un cancello obbligatorio a Capo Verde,tra le due isole Santo Antão e SãoVicente, allungando così la regata di 200 miglia e almeno un giorno di navigazione. A causa della temperatura dell’acqua molto alta per il periodo ci sarà un 20% di possibilità che si possa formare un ciclone tropicale tra le Bahamas e le Azzorre. I marinai saranno quindi costretti a scendere a Sud, dove le condizioni pare saranno ideali per la traversata. L’organizzazione inoltre si riserva l’opzione di modificare ulteriormente il percorso, nel caso in cui questa previsione dovesse peggiorare. Nonostante gli skipper debbano prendere obbligatoriamente la rotta Sud, rimangono aperte molte scelte tattiche per raggiungere la Martinica, e c’è comunque il rischio di finire in una zona di poco vento che si trova nell’ultima parte del percorso.
“Ho alleggerito molto la barca, tolto vestiti, stivali, cerate”, ha detto Beccaria poco prima della partenza. “Mi farà compagnia la ‘play-list per l’oceano che abbiamo raccolto sulla mia pagina Facebook, una iniziativa con cui ho raccolto 150 brani. Sarà piacevole ascoltare una canzone che magari uno sconosciuto mi l’ha dedicato. Penso infatti che in questa traversata l’importante sia prendere il ritmo, trovare dei momenti in cui staccare il cervello e riposarsi e sono convinto che la musica in questo mi aiuterà molto”.
“Il distacco tra me e il primo e in generale tra i concorrenti è poco, equesto è incoraggiante. Spero che siano giuste le previsioni e non ci sia un aliseo troppo forte, che penalizzerebbe il mio pogo2. In ogni casoparto tranquillo e non ho particolari paure… anche se per me è la mia prima transoceanica! Devo dire mi ha aiutato molto nella preparazione, come anche per la prima tappa, il lavoro fatto con il routier Jean-Yves Bernot, il guru del meteorologia oceanica. La situazione meteo è sempre molto complicata e i modelli diversi fra loro. Gli alisei ci saranno dopo Capo Verde, ma sembra che non saranno alisei intensi, insomma non sarà un’autostrada…Spero soprattutto di divertirmi com’è successo nella prima tappa. L’obiettivo sportivo? Arrivare nei primi dieci”. 
Per Course au large Beccaria è “l’outsider che potrà entrare nella Top Ten con una barca di seconda generazione”.
Su Voiles et Voiliers si dice che “la prima tappa gli skipper di Alla Grande Ambeco e di Petit Auguste et Cie (Fred Moreau, ndr) ci hanno dato dentro davvero e si sono confermati come concorrenti seri, qualsiasi siano le condizioni”.
Giornale della vela: “Sulla carta Beccaria con il suo Mini Ambeco non deve porsi limiti, può ambire al “colpaccio”, può puntare al podio, in una tappa dove oltre alla performance pura conterà saper portare la barca al traguardo e avere un buon feeling con la stessa nelle dure condizioni che incontreranno i ministi.”.
Fabio Colivicchi: “Ambrogio èil vincitore morale della prima tappa”.
Gazzetta dello Sport: “Una regata senza sbavature quella di Ambrogio Beccaria”.
Considerata la “più grande regata d’altura per le barche più piccole”, la Mini Transat è tra le transatlantiche più dure, la sfida estrema per eccellenza. Si tratta infatti di una competizione in solitario, senza assistenza e senza comunicazione, su imbarcazioni della lunghezza di sei metri e mezzo.
La regata, che oggi compie 40 anni dalla sua prima edizione che fu nel 1977,  (si svolge ogni due anni), è quest’anno di 4050 miglia con 81 partecipanti di 11 diverse nazionalità, di cui 10 donne. Saranno 30 giorni di navigazione circa. 
La regata si svolge in due tappe: la prima tappa parte da La Rochelle per arrivare alle Canarie.
Da qui inizia la traversata dell’Atlantico fino ai Caraibi, in Martinica. La durata della prima tappa è di 1350 miglia e dura mediamente 8-10 giorni, mentre la seconda - 2700 miglia - può arrivare fino a 20 giorni di mare.
Uscendo da La Rochelle i partecipanti passano a Nord dell’isola di Oleron, prima di entrare nel temuto Golfo di Biscaglia. In seguito doppieranno Capo Finisterre, costeggiando il Portogallo. Dal Sud del Portogallo fino a Gran Canaria i venti sono generalmente da Nord, quindi si prevede un arrivo alle andature portanti. La seconda tappa parte i primi di novembre: i concorrenti, dopo essere usciti dall’arcipelagoincontreranno rapidamente gli alisei fino a Le Marin in Martinica. Gli skipper navigheranno senza nessun supporto tecnico a bordo, niente telefono o computer: sono concessisolo un collegamento giornaliero via radio con il comitato organizzativo per le previsioni meteo e gli aggiornamenti sulle posizioni dei regatanti e il GPS non cartografico. Si può tuttavia comunicare tra regatanti con il VHF.
L’abilità in questa regata non sta solo nel far correre la barca più velocemente possibile: è necessario sviluppare conoscenze di strategia di regata e competenze metereologiche; gestione del sonno, equilibrio nutrizionale, gestione delle emergenze. La regola che connota bene l’Esprit mini, lo “spirito mini”, è proprio il divieto di qualsiasi collegamento degli skipper con l’esterno, cosa che evitare costosi sistemi satellitari e conserva l’approccio tradizionale alla navigazione.


02/11/2017 12:54:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Maggetti e Ciabatti a Miami per la Coppa del Mondo di Vela

"Finalmente nuovamente in gara" dichiara la Maggetti "L'ultima regata è stata in Giappone, lo scorso Settembre in occasione del Campionato del Mondo Assoluto, regata in cui sono riuscita aconquistare un importante 16mo posto"

Rete FVG Marinas Network: salgono a 20 i Marina aderenti

La Rete parteciperà alle principali Fiere nautiche europee “Esportiamo la passione per la nautica”

1° Trofeo Nazionale Giangiacomo Ciaccio Montalto

Regata velica commemorativa in occasione del XXXV anniversario dall’omicidio del magistrato Giangiacomo Ciaccio Montalto

Fincantieri con Regione e Sindacati per lo sviluppo del lavoro in Friuli Venezia Giulia

Firmato un protocollo di politica attiva per l’occupazione

Ferretti Yachts compie 50 anni e si regala Dovizioso

L’accordo di sponsorizzazione, annunciato durante la conferenza stampa al BOOT di Düsseldorf, prevede la presenza del marchio del cantiere sulla tuta del campione forlivese in tutte le 19 tappe del MotoGP 2018

Maserati Multi 70: partiti alla conquista del record sulla rotta Hong Kong-Londra

Per battere il primato dovranno tagliare il traguardo sotto il ponte Queen Elizabeth II sul Tamigi prima del prossimo 1 marzo

Azimut Yachts: a Dusseldorf con due nuovi modelli e numeri in crescita

Primo bilancio dall’inizio dell’anno nautico (settembre 2017), per Azimut Yachts è decisamente positivo: il brand, infatti, ha registrato un trend di crescita del portafoglio ordini pari a +30% rispetto allo stesso periodo dell’esercizio precedente

Benetti vende il settimo yacht modello Fast 125'

Lo yacht di 38 metri con linee esterne di Stefano Righini equipaggiato con il sistema di propulsione Azipull Carbon 65 progettato da Rolls Royce

Tecnorib presenta Pirelli J33 - Azimut Special Edition

In anteprima mondiale alla fiera nautica Boot di Dusseldorf (20-28 Gennaio 2018), Tecnorib svela il nuovo gommone PIRELLI J33 - Azimut Special Edition, il primo jet tender marchiato Pirelli realizzato in esclusiva per Azimut Yachts.

VOR: confermata una vittima a bordo del peschereccio

Collisione fra Vestas 11th Hour Racing, un team che sta prendendo parte alla Volvo Ocean Race 2017-18, e una barca da pesca uno dei componenti dell’equipaggio del peschereccio è deceduto

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci