mercoledí, 16 gennaio 2019


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

velista dell'anno    nautica    campionati invernali    dinghy    america's cup    ambiente    clima    porti    windsurf    formazione    press    dragoni    420    dakar guadalupa    fincantieri    dolphin   

MARE

All'Arsenale della Marina Regia si presenta il progetto “Sirene nel blu tra mare e cielo”

all arsenale della marina regia si presenta il progetto 8220 sirene nel blu tra mare cielo 8221
redazione

Venerdì 17 novembre 2017 alle ore 10.00, presso l'Arsenale della Marina Regia, Via dell’Arsenale, 144 a Palermo si presenta il progetto “Sirene nel blu tra mare e cielo: le sirene alate di Tommaso Domina”. All'incontro prenderanno parte Maria Elena Volpes, Dirigente generale del Dipartimento regionale Beni culturali e dell'identità siciliana, Sebastiano Tusa, Soprintendente del Mare, Alessandra De Caro, della Soprintendenza del Mare, Tommaso Domina, scultore, Francesco Genchi, Presidente Associazione Amici della Soprintedenza del Mare. Sarà presente il Controammiraglio Salvatore Gravante Direzione Marittima e Capitaneria di Porto di Palermo. Il progetto nasce dall’idea congiunta tra la Soprintendenza del Mare e “l’Associazione amici della Soprintendenza del Mare”, di volere attivare una campagna di sensibilizzazione rivolta al rispetto del mare e a far riflettere sulle diverse problematiche che lo affliggono. L’idea si è concretizzata grazie all’incontro con l’artista Tommaso Domina e alla sua “Sirena alata”, scultura che il prossimo anno verrà immersa nel fondale marino. La Sirena avrà un contenitore che accoglierà i messaggi, le lettere e i disegni di chi vorrà donare i propri pensieri sul mare. Saranno esposte le sirene alate dell'artista.
La Sirena richiama ed evoca fantasie e sogni che tutti abbiamo avuto e che non vorremmo mai finissero nella cruda realtà. Sirena significa libertà, bellezza, amore e capacità di vivere il mare in piena sintonia. Qualità e sentimenti cui tutti aneliamo. Pertanto è naturale che tale figura fantastica abbia poeti e gente comune fin da tempi remoti e continua anche oggi ad avere un forte potere attrattivo. La scelta della sirena per veicolare un messaggio di amore e rispetto verso il mare e una idea congiunta che portiamo avanti con estremo interesse, piacere ed entusiasmo poiché uno dei compiti dell'istituzione che ho l'onore di presiedere è proprio quello di divulgare la cultura del mare e farlo rispettare in una logica non conservativa ma promozionale. Attraverso l'arte tutto ciò si fa più semplice e immediato.
Sebastiano Tusa, Soprintendente del Mare
Il progetto nasce dall’ìdea congiunta tra la Soprintendenza e L’Associazione degli Amici della Soprintendenza del Mare, di volere attivare una campagna di sensibilizzazione rivolta al rispetto del Mare e contemporaneamente a fare riflettere sulle diverse problematiche che sta affrontando il Pianeta Liquido. Dal desiderio di realizzare un simbolo “forte” da collocare in Mare che possa far riflettere e accogliere i “pensieri” di piccoli e grandi, un vero custode dei pensieri e dei sogni delle persone di ogni luogo di ogni religione di ogni paese. L’dea progettuale si è concretizzata grazie all’incontro con l’artista Tommaso Domina e al suo “regalo”: una meravigliosa Sirena Alata, da immergere nel fondale del Mare, pronta, pur mantenendo il suo dialogo con le altre Sirene Alate dell’Artista che “abitano” la terra a portare il nostro messaggio e contemporaneamente essere predisposta all’ascolto. La Sirena Avrà tra le sue “Ali” un contenitore che accoglierà i messaggi, le lettere i disegni di chi vorrà regalare i propri sentimenti, i propri pensieri sul grande museo che è il mare e/o a tutte le “anime” che alla ricerca della libertà hanno trovato “riposo” in fondo al mare. La volontà è quella di creare un luogo di riferimento per riflettere e attenzionare il nostro prezioso mare, che conserva gran parte della nostra storia.
Alessandra De Caro, Soprintendenza del Mare
“Accoglienza” il nome della Sirena Alata da me donata alla Soprintendenza del mare. Non credo ci sia un altro Istituto capace di coniugare il fascino di un racconto fantastico, quello delle sirene, con un forte senso di concretezza come quello dell’accoglienza. Accoglienza: cogliere insieme, raccogliere, aprire, condividere, conoscere, crescere. Così nelle splendida storia della Soprintendenza del mare, nella ricerca di un immenso patrimonio culturale sommerso, i subacquei sono entrati divenendone parte integrante, in un elemento naturale: l’acqua. Varcandone i limiti immergendosi, sono divenuti respiro, occhi, orecchie per tutti coloro che hanno lasciato testimonianza. Rispettando il silenzio sono riusciti ad ascoltare e sono stati in grado di narrare. Hanno competenze altissime e occhi di bambini, così passano da tecnologie avanzatissime a lezioni e stimoli nelle scuole affinché fin da piccoli si affini l’amore per la cultura e la storia. Tenacemente perseguono i loro obiettivi e fra mille sacrifici li realizzano. Conoscono le leggi del mare e il rispetto che naturalmente ne deriva forgia creature che sanno che l’altro, il prossimo, è una opportunità di arricchimento, di crescita. A chi affidare il simbolo dell’accoglienza se non a chi dell’accoglienza parla in ogni ritrovamento, in ogni nuova scoperta, in ogni nuova ricerca? Poiché parlare di tutto ciò è veramente raccogliere insieme, spiegare essendo certi che l’umanità è una e dovrebbe camminare su un ‘unica via di condivisione e bellezza. La Soprintendenza del mare fantasticamente ci educa in tal senso e alla Soprintendenza del mare il messaggio della sirene e.. della mia “Sirena Alata”.
Tommaso Domina, scultore
L'Isola del sole, circondata da tre mari e su cui si affacciano tre continenti,pur conservando la propria identità, ha sintetizzato in se storia e tradizioni di popoli lontani accogliendo culture e religioni diverse, "mescolanza di cose frammiste". Ma l'Isola del sole è anche e forse soprattutto, colei che simboleggia ed esprime attraverso la sua luce e il suo calore, la solidarietà umana, quella che da sempre ha caratterizzato la civiltà mediterranea.Il nostro compito, per noi stessi e per le future generazioni, è quello di insegnare a cogliere l'anima dei nostri luoghi, dalle montagne al mare. Il nostro mare "Genius loci" di pensieri, tradizioni, storie fantastiche, miti e leggende ci spinge ad ascoltare la voce di tutti coloro che ancora lo abitano. Tra il mare e il cielo, tra la schiuma delle onde e le grida dei gabbiani, sentiremo la voce sommessa di una sirena, simbolo d'amore e parte di un mondo ancora a noi sconosciuto che ci indicherà la via della scoperta e della conoscenza. La sua melodia, sintesi di bellezza e poesia, riporterà alla luce ciò che degli uomini è rimasto per secoli e millenni in fondo al mare. Tra le note ammalianti della sua voce, una sarà la più dolce e sarà quella dell'accoglienza, della solidarietà tra gli uomini del rispetto per la vita e per questo meraviglioso dono che il Pianeta ci ha voluto regalare, il mare.
Oggi più che mai è necessario che questo immenso continente che è stato da sempre l'artefice dell'incontro e della condivisione di culture e religioni diverse, possa fare da maestro all'umanità. Il dramma delle migliaia di migranti che attraversano il mare in cui uomini, donne e bambini, vi trovano la morte, deve far rinascere in tutti noi il sentimento della "pietas", in una empatica vicinanza verso questi esseri umani, vittime di quella che non può essere diversamente chiamata che "nuova tratta degli schiavi". L'immagine della sirena alata vuole rappresentare il desiderio di accogliere, chi giunge sulle nostre sponde, fuggendo da guerre e carestie, in cerca di un futuro che possa dargli una vita migliore e restituirgli la dignità di uomini
Francesco Genchi, Presidente Associazione Amici della Soprintedenza del Mare


15/11/2017 10:23:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Mondiale Dragoni: la Compagnia della Vela sul podio in Australia

Klaus Diederichs, socio della Compagnia della Vela, su Fever conquista la terza posizione assoluta. A bordo anche il fuoriclasse italiano Diego Negri

Gli Oscar della Vela 2018 saranno assegnati il 4 marzo 2109 a Villa Miani

Le novità di maggior rilievo dell’evento e i nomi dei candidati ufficiali saranno comunicati ufficialmente martedì 15 gennaio, dopo un sondaggio effettuato dagli organizzatori tra i giornalisti di settore e le testate partner de Il Velista dell’Anno

Record Dakar/Guadalupa: il meteo fa slittare la partenza

Record di traversata atlantica, Picciolini e Sardi prendono possesso del catamarano di appena 6 metri e si preparano per questa impresa estrema.

Exxpedition: un giro del mondo a vela per sole donne contro la plastica

Partirà dall’Inghilterra l’eXXpedition Round the World 2019-2021, spedizione oceanica in barca a vela tutta al femminile che circumnavigherà il globo per sensibilizzare l’opinione pubblica mondiale sull’enorme impatto delle sostanze plastiche sugli oceani

Dolphin in acqua sul Garda

La flotta dei Dolphin è pronta a riaprire le sfide sulle acque del Benàco. Domenica si parte con il Cimento della Fraglia Vela Desenzano.

Windsurf: il titolo italiano overall a Dario Mocchi

Dario Mocchi ITA-8080 conquista il titolo OVERALL bissando il successo del 2017. Prima delle donne Bruna Ferracane ITA 712

Si conclude la 6a edizione del progetto ForMare

Centinaio di studenti a bordo delle navi Moby e Tirrenia: un contratto a tempo determinato per i due studenti più meritevoli

Raduno 420 a Sanremo

Si è svolto a Sanremo presso le strutture dello Yacht Club il primo raduno del 2019 dedicato alla Classe 420

America's Cup: Panerai sponsor di Luna Rossa

Lasciate le vele d'epoca, cui aveva lungamente legato il proprio nome, Panerai approda alla teconologica America's Cup a bordo di Luna Rossa

Cavallo Pazzo II guida l'Invernale del Circeo

Dopo sei prove in testa c'è Cavallo Pazzo II, l’X 35 di Enrico Danielli, seguito da Vahinè 7 il First 45 di Francesco Raponi, terzo Le Cage Aux Folles l’XP 33 di Mario Bellotti

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci