giovedí, 26 aprile 2018

MARE

All'Arsenale della Marina Regia si presenta il progetto “Sirene nel blu tra mare e cielo”

all arsenale della marina regia si presenta il progetto 8220 sirene nel blu tra mare cielo 8221
redazione

Venerdì 17 novembre 2017 alle ore 10.00, presso l'Arsenale della Marina Regia, Via dell’Arsenale, 144 a Palermo si presenta il progetto “Sirene nel blu tra mare e cielo: le sirene alate di Tommaso Domina”. All'incontro prenderanno parte Maria Elena Volpes, Dirigente generale del Dipartimento regionale Beni culturali e dell'identità siciliana, Sebastiano Tusa, Soprintendente del Mare, Alessandra De Caro, della Soprintendenza del Mare, Tommaso Domina, scultore, Francesco Genchi, Presidente Associazione Amici della Soprintedenza del Mare. Sarà presente il Controammiraglio Salvatore Gravante Direzione Marittima e Capitaneria di Porto di Palermo. Il progetto nasce dall’idea congiunta tra la Soprintendenza del Mare e “l’Associazione amici della Soprintendenza del Mare”, di volere attivare una campagna di sensibilizzazione rivolta al rispetto del mare e a far riflettere sulle diverse problematiche che lo affliggono. L’idea si è concretizzata grazie all’incontro con l’artista Tommaso Domina e alla sua “Sirena alata”, scultura che il prossimo anno verrà immersa nel fondale marino. La Sirena avrà un contenitore che accoglierà i messaggi, le lettere e i disegni di chi vorrà donare i propri pensieri sul mare. Saranno esposte le sirene alate dell'artista.
La Sirena richiama ed evoca fantasie e sogni che tutti abbiamo avuto e che non vorremmo mai finissero nella cruda realtà. Sirena significa libertà, bellezza, amore e capacità di vivere il mare in piena sintonia. Qualità e sentimenti cui tutti aneliamo. Pertanto è naturale che tale figura fantastica abbia poeti e gente comune fin da tempi remoti e continua anche oggi ad avere un forte potere attrattivo. La scelta della sirena per veicolare un messaggio di amore e rispetto verso il mare e una idea congiunta che portiamo avanti con estremo interesse, piacere ed entusiasmo poiché uno dei compiti dell'istituzione che ho l'onore di presiedere è proprio quello di divulgare la cultura del mare e farlo rispettare in una logica non conservativa ma promozionale. Attraverso l'arte tutto ciò si fa più semplice e immediato.
Sebastiano Tusa, Soprintendente del Mare
Il progetto nasce dall’ìdea congiunta tra la Soprintendenza e L’Associazione degli Amici della Soprintendenza del Mare, di volere attivare una campagna di sensibilizzazione rivolta al rispetto del Mare e contemporaneamente a fare riflettere sulle diverse problematiche che sta affrontando il Pianeta Liquido. Dal desiderio di realizzare un simbolo “forte” da collocare in Mare che possa far riflettere e accogliere i “pensieri” di piccoli e grandi, un vero custode dei pensieri e dei sogni delle persone di ogni luogo di ogni religione di ogni paese. L’dea progettuale si è concretizzata grazie all’incontro con l’artista Tommaso Domina e al suo “regalo”: una meravigliosa Sirena Alata, da immergere nel fondale del Mare, pronta, pur mantenendo il suo dialogo con le altre Sirene Alate dell’Artista che “abitano” la terra a portare il nostro messaggio e contemporaneamente essere predisposta all’ascolto. La Sirena Avrà tra le sue “Ali” un contenitore che accoglierà i messaggi, le lettere i disegni di chi vorrà regalare i propri sentimenti, i propri pensieri sul grande museo che è il mare e/o a tutte le “anime” che alla ricerca della libertà hanno trovato “riposo” in fondo al mare. La volontà è quella di creare un luogo di riferimento per riflettere e attenzionare il nostro prezioso mare, che conserva gran parte della nostra storia.
Alessandra De Caro, Soprintendenza del Mare
“Accoglienza” il nome della Sirena Alata da me donata alla Soprintendenza del mare. Non credo ci sia un altro Istituto capace di coniugare il fascino di un racconto fantastico, quello delle sirene, con un forte senso di concretezza come quello dell’accoglienza. Accoglienza: cogliere insieme, raccogliere, aprire, condividere, conoscere, crescere. Così nelle splendida storia della Soprintendenza del mare, nella ricerca di un immenso patrimonio culturale sommerso, i subacquei sono entrati divenendone parte integrante, in un elemento naturale: l’acqua. Varcandone i limiti immergendosi, sono divenuti respiro, occhi, orecchie per tutti coloro che hanno lasciato testimonianza. Rispettando il silenzio sono riusciti ad ascoltare e sono stati in grado di narrare. Hanno competenze altissime e occhi di bambini, così passano da tecnologie avanzatissime a lezioni e stimoli nelle scuole affinché fin da piccoli si affini l’amore per la cultura e la storia. Tenacemente perseguono i loro obiettivi e fra mille sacrifici li realizzano. Conoscono le leggi del mare e il rispetto che naturalmente ne deriva forgia creature che sanno che l’altro, il prossimo, è una opportunità di arricchimento, di crescita. A chi affidare il simbolo dell’accoglienza se non a chi dell’accoglienza parla in ogni ritrovamento, in ogni nuova scoperta, in ogni nuova ricerca? Poiché parlare di tutto ciò è veramente raccogliere insieme, spiegare essendo certi che l’umanità è una e dovrebbe camminare su un ‘unica via di condivisione e bellezza. La Soprintendenza del mare fantasticamente ci educa in tal senso e alla Soprintendenza del mare il messaggio della sirene e.. della mia “Sirena Alata”.
Tommaso Domina, scultore
L'Isola del sole, circondata da tre mari e su cui si affacciano tre continenti,pur conservando la propria identità, ha sintetizzato in se storia e tradizioni di popoli lontani accogliendo culture e religioni diverse, "mescolanza di cose frammiste". Ma l'Isola del sole è anche e forse soprattutto, colei che simboleggia ed esprime attraverso la sua luce e il suo calore, la solidarietà umana, quella che da sempre ha caratterizzato la civiltà mediterranea.Il nostro compito, per noi stessi e per le future generazioni, è quello di insegnare a cogliere l'anima dei nostri luoghi, dalle montagne al mare. Il nostro mare "Genius loci" di pensieri, tradizioni, storie fantastiche, miti e leggende ci spinge ad ascoltare la voce di tutti coloro che ancora lo abitano. Tra il mare e il cielo, tra la schiuma delle onde e le grida dei gabbiani, sentiremo la voce sommessa di una sirena, simbolo d'amore e parte di un mondo ancora a noi sconosciuto che ci indicherà la via della scoperta e della conoscenza. La sua melodia, sintesi di bellezza e poesia, riporterà alla luce ciò che degli uomini è rimasto per secoli e millenni in fondo al mare. Tra le note ammalianti della sua voce, una sarà la più dolce e sarà quella dell'accoglienza, della solidarietà tra gli uomini del rispetto per la vita e per questo meraviglioso dono che il Pianeta ci ha voluto regalare, il mare.
Oggi più che mai è necessario che questo immenso continente che è stato da sempre l'artefice dell'incontro e della condivisione di culture e religioni diverse, possa fare da maestro all'umanità. Il dramma delle migliaia di migranti che attraversano il mare in cui uomini, donne e bambini, vi trovano la morte, deve far rinascere in tutti noi il sentimento della "pietas", in una empatica vicinanza verso questi esseri umani, vittime di quella che non può essere diversamente chiamata che "nuova tratta degli schiavi". L'immagine della sirena alata vuole rappresentare il desiderio di accogliere, chi giunge sulle nostre sponde, fuggendo da guerre e carestie, in cerca di un futuro che possa dargli una vita migliore e restituirgli la dignità di uomini
Francesco Genchi, Presidente Associazione Amici della Soprintedenza del Mare


15/11/2017 10:23:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Francesca e Giovanna, facce da Mini

La Marina Militare e l'Aeronautica militare hanno affidato i loro colori a due ottime veliste come Giovanna Valsecchi e Francesca Komatar

Luise Group: nuovi uffici a Portofino, Viareggio, Capri e Castellammare di Stabia

Il viaggio partito da Napoli nel 1847 della famiglia Luise continua dunque nei porti più importanti al mondo, con l'apertura di nuovi uffici e creando addirittura a Napoli nuovi dipartimenti tecnici

“Una Vela Senza Esclusi” diventa una tappa del progetto Sailing For Health

Tante le novità di questa edizione, a partire dalla flotta che accanto alle Azzurre 600 vedrà sfidarsi anche le nuove Hansa 303, imbarcazioni affidate dal Panathlon Club Palermo alla L.N.I. e finalizzate alla formazione atletica dei ragazzi diversabili

A Brenzone i monotipi d'acqua dolce

Nella flotta dei Dolphin vince proprio il detentore del titolo tricolore, "Fantastica" della sorelle Navoni della Fraglia Desenzano, scafo condotto da Davide Bianchini (Canottieri Garda) con ben 4 primi posti su 6 manche

VOR: Scallywag è arrivato, oggi la Itajaì In-Port Race

Scallywag è arrivato nel porto di Itajaì dopo un lungo viaggio dal Cile, e affronta una corsa contro il tempo per poter prendere parte alla ottava tappa. Gli altri sei team invece si preparano per la Itajaí In-Port Race di oggi

La Settimana Velica Internazionale Accademia Navale e Città di Livorno 2018”

600 imbarcazioni, 1000 regatanti e 9 circoli velici impegnati in 15 classi di regate

Ieri Norwegian Cruise Line ha preso in consegna la Norwegian Bliss

La nuova nave di Norwegian Cruise Line debutta in Europa prima di iniziare il suo tour inaugurale intorno agli Stati Uniti. La cerimonia ufficiale di battesimo si terrà a Seattle, nello Stato di Washington

La Regata dell'Accademia Navale

Alla gara, che sarà valida anche come tappa di qualificazione per la regata “Madeira Race 950”, possono partecipare le imbarcazioni d’altura Maxi, IRC/ORC e 9.50

Lab Boat: navigare con la scienza

Lunedì a Cagliari laboratori didattici per le scuole e seminari per il pubblico

Senza vento la Bolina è più Lunga

Difficoltà in partenza per la Lunga Bolina, che ha sofferto per un vento latitante per quasi tutto il percorso

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci