martedí, 16 ottobre 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

melges 32    circoli velici    invernali    soldini    regate    vela olimpica    barcolana    melges 20    melges20    nautica   

YACHT CLUB COSTA SMERALDA

Al via oggi One Ocean Forum

al via oggi one ocean forum
redazione

Si sono aperti questa mattina al Teatro Franco Parenti i lavori di One Ocean Forum, evento internazionale ideato dallo Yacht Club Costa Smeralda e voluto dalla Principessa Zahra Aga Khan. Si tratta del primo forum in Italia dedicato ai progetti innovativi di salvaguardia dell'ambiente marino e alla promozione di azioni pratiche volte alla sua tutela.
Il Forum si avvale della partnership con la Commissione Oceanografica Intergovernativa dell'UNESCO, SDA Bocconi Sustainability LAB e di numerosi patrocini di prestigio: The British Virgin Islands -BVI, Ministero dell'Ambiente, Comune di Milano, Regione Autonoma della Sardegna, CONI, SYBAss, Nautica Italiana, UCINA, Confindustria Nautica, Salone Nautico di Genova e Centro Velico di Caprera.
I temi del Forum, trattati con taglio edutainement, focalizzano l'attenzione di pubblico, istituzioni e policy maker sullo stato degli oceani e sulle conseguenze che fenomeni come inquinamento e riscaldamento globale hanno sugli ecosistemi marini e, in ultimo, sulla salute dell'uomo.
S.A. l'Aga Khan, One Ocean Forum - 3 ottobre, Milano.
Nel 2050, infatti, si stima che il rapporto plastica-pesci sarà di 1:1 (Report ELLEN MACARTHUR FOUNDATION, 2016). Ad oggi 3 miliardi di persone dipendono dalla biodiversità marina e costiera per la loro sussistenza (Sustainable Development Goals, UNITED NATIONS).
In particolare, sono quattro sono le pressing issues su cui i massimi esperti si stanno confrontando:

- Marine Litter & Pollution, vale a dire gli enormi quantitativi di rifiuti presenti in tutti i mari del pianeta. Ogni anno, infatti, finiscono in mare 8 milioni di tonnellate di plastica che, oltre ad arrecare danni significativi alla vita marina, si inseriscono nella catena alimentare sotto forma di microplastiche, frammenti dai 2 ai 5 millimetri ingeriti dai pesci.

- Climate and Global Changes, responsabili dell'acidificazione delle acque e dei conseguenti effetti sul benessere e sulla conservazione degli habitat oceanici.

- Le Blue Technologies come opportunità di sviluppo dell'economia marittima, utilizzando l'innovazione e la ricerca come base per nuove politiche produttive e commerciali.

- l'Ocean Literacy, ovvero la diffusione di una cultura che permetta la comprensione dell'influenza che l'oceano ha sulla nostra vita e l'influenza che le nostre scelte e le nostre azioni hanno sull'oceano. 
Ad aprire la due giorni l'intervento del Presidente dello YCCS, Sua Altezza l'Aga Khan, sostenitore del progetto promosso dalla figlia, la Principessa Zahra: "È nostro dovere impegnarci per ridurre l'elevato livello di inquinamento ambientale, cercando di ristabilire così l'equilibrio fra uomo e natura. [...] Alla fine di questi due giorni verrà presentata la Charta Smeralda, un codice etico e comportamentale. Il mio auspicio è che questo documento possa essere condiviso da quante più persone/istituzioni/associazioni possibili".
La Principessa Zahra Aga Khan ha commentato: "Gli studiosi ci dicono che abbiamo raggiunto il punto di non ritorno, ma anche che ognuno di noi nella sua quotidianità può fare la differenza con comportamenti, gesti, azioni responsabili, sostenibili. Dobbiamo impegnarci affinché i nostri figli ereditino un oceano, un mare che possa essere in qualche modo simile a quello che abbiamo conosciuto noi da bambini".
Un videomessaggio di Irina Bokova, Direttore Generale UNESCO, ha posto le basi del confronto: "La nostra vita dipende dagli oceani. Il 2017 sarà ricordato come una pietra miliare delle azioni per la tutela del mare. One Ocean Forum è un evento atto ad agevolare la creazione di nuove sinergie tra istituzioni pubbliche, ricercatori, ONG e investitori privati". A seguire, l'intervento del Segretario Esecutivo della Commissione Oceanografica Intergovernativa di UNESCO, Vladimir Ryabinin, che ha delineato le linee strategiche delle Nazioni Unite in tema di sviluppo sostenibile.
Durante la mattinata si sono alternati sul palco François Bailet, Senior Legal Officer della Divisione Affari Marini e Diritto del Mare presso le Nazioni Unite e Anne de Carbuccia, artista franco-americana che, attraverso l'evocatività dei suoi scatti fotografici, documenta lo stato del nostro pianeta.
La sessione pomeridiana vede la condivisione di alcune Best Practice, storie di successo di aziende che hanno fatto dell'Economia Blu un modello di business virtuoso, raccontate da Nino Tronchetti Provera di Ambienta, Giulio Bonazzi di Aquafil, Alfonso Saibene Canepa di Canepa, Daniela Ducato di Geolana e Erin Smith di Ocean Sole. 
I lavori proseguono con gli interventi di: Sam Dupont, Ricercatore in Eco fisiologia marina presso l'Università di Gothenburg, che racconta il fenomeno dell'acidificazione dell'oceano e le relative conseguenze sugli ecosistemi marini, Davide Carrera, detentore del record mondiale di immersione libera, e il velista americano di fama internazionale Paul Cayard: interventi e narrazioni che testimoniano la magia e la bellezza del mare attraverso il racconto di un legame profondo e indissolubile.
Da sinistra: la Principessa Zahra Aga Khan e il Commodoro dello YCCS Riccardo Bonadeo. One Ocean Forum - 3 ottobre, Milano. 
Oggetto dei lavori pomeridiani, inoltre, sono i LAB: 7 tavoli tematici che prevedono un confronto tra i rappresentanti delle imprese promotrici, studenti universitari, esperti, studiosi internazionali e giornalisti, ONG, con l'obiettivo di stabilire, a partire da nuclei tematici differenti, una "roadmap" comune da seguire nella preservazione dell'ambiente marino.
Appuntamento a domani con la partecipazione di Maria Cristina Fossi, Docente di Ecologia e Ecotossicologia presso l'Università di Siena e Direttore Scientifico della Laboratorio di Biomarker del Dipartimento di Scienze Fisiche e della Terra e l'esploratore giornalista Paul Rose. 
A chiudere l'evento domani, mercoledì 4 ottobre, la firma della Charta Smeralda, un codice etico comportamentale destinato alle strutture che promuovono e supportano attività legate al mare, come porti turistici e yacht club, oltre che a istituzioni e organizzazioni di varia natura, pubbliche e private, nazionali, internazionali e sovranazionali, che ne condividono la portata e i contenuti.
Con l'obiettivo di tenere alta l'attenzione collettiva sui temi della salvaguardia del mare e sulla necessità di educare a una corretta cultura ambientale, One Ocean Forum si propone di essere un programma che prosegua nel tempo, stimolando un cambiamento vero e concreto e uno spazio di confronto, sempre nella convinzione alla base del forum stesso che "Partnership is the new leadership".
Il Forum è stato ideato da YCCS in collaborazione con FeelRouge Worldwide Shows, partner strategico incaricato dell'organizzazione generale e contenuti e con il supporto di Rolex e Audi, partners storici di YCCS, Aquafil, Luxury Living Group, Dilbar, Intercos, Fondazione Carriero, Perini Navi, Pantecnica, Fondazione Riccardo Catella, Sipa, Dompé, Biofarma e Immobilsarda.


03/10/2017 20:39:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Barcolana: nella lotta tra ex la spunta Morning Glory (Spirit of Portopiccolo)

Vince Spirit of Portopiccolo, ovvero l'ex Morning Glory costruita nel 2006, davanti a CQS Tempus Fugit, ex Nicorette un 29,76 metri del 2004 e all'ex Maxi Iena Way of Live

FLASH - Oro per Giorgia Speciale alle Olimpiadi Giovanili di Buenos Aires

Giorgia Speciale ha dominato nella classe dei Techno 293 Plus femminile ed ha conquistato l'Oro alle Olimpiadi Giovanili di Buenos Aires

Barcolana, se non sono 2000 non ci si diverte

Superata la soglia dei 2000 iscritti. Spirit of Portopiccolo riconsegna la Coppa, ma è pronto a riprendersela.

Barcolana 50: prima regata per il Team MSC

Con MSC Team parte da Trieste l’esperienza velica della compagnia di navigazione con la barca classe Psaros33. In partnership con Marevivo, l’organizzazione dedicata alla conservazione marina, MSC promuoverà la passione e il rispetto per il mare

Olimpiadi Giovanili: arriva un altro oro con Sofia Tomasoni

Sofia Tomasoni (CV Windsurfing Club Cagliari) è la prima Campionessa Olimpica Giovanile della classe Kiteboard Twin Tip Racing femminile

Olimpiadi Giovanili: la Speciale sempre in testa, Nicolò Renna sale al 2° posto

Nel Techno 293 Plus Giorgia Speciale scarta il terzo posto quale peggior risultato. Nicolò Renna vince una prova e sale al 2° posto in classifica

Olimpiadi Giovanili: Speciale e Renna oggi in acqua per una medaglia

Appuntamento in acqua con primo segnale di avviso alle ore 12:00 locali (17:00 italiane) con le finali delle tavole a vela previste alle 12:05 (17:05 italiane) quella maschile e alle 12:45 (17:45 italiane) quella femminile

Olimpiadi Giovanili: buone notizie dalla vela azzurra

Sofia Tomasoni sale al 2° posto nei Kiteboard femminili, Nicolò Renna sempre 2° nei T293 maschili e Giorgia Speciale consolida il 1° posto nei T293 femminili

Olimpiadi Giovanili: Argento per Nicolò Renna

L'atleta del Circolo Surf Torbole ha conquistato l'argento nella classe techno 293 plus maschile

New Sardiniasail alla Barcolana

Ci sarà anche la Sardegna alla Barcolana, la regata più grande del mondo con Lima Fotodinamico dell'associazione New Sardiniasail che attraverso la vela punta al reintegro sociale di minori e giovani adulti con problematiche penali

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci