martedí, 23 maggio 2017


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

j/70    calvi network    optimist    laser    fraglia vela riva    alinghi    america's cup    hobie cat16    mare    press    regate    vela    circoli velici    alcatel j/70    windsurf    circolo nautico riva di traiano    1000 vele per garibaldi   

ROLEX MIDDLE RACE

Al via domani la 37a Rolex Middle Sea Race

al via domani la 37a rolex middle sea race
redazione

Prenderà il via domani alle ore 11.00 la 37a Rolex Middle Sea Race che vedrà Maserati Multi70 fra i 117 equipaggi (Irc, Orc e Mocra) allineati sulla linea di partenza.
Superata l’emergenza dei giorni scorsi grazie a shore team ed equipaggio che hanno vinto la corsa contro il tempo, Maserati Multi70 regaterà con il timone Mod 70 al posto di quello a T perso nell’incidente del 16 ottobre, e il foil Mod che sostituisce il foil volante incompatibile con l’assetto Mod.
25 le nazionalità in mare con l’Italia che fa da sempre la parte del leone. Il richiamo della regata resta però internazionale: lo testimonia la crescita di iscritti russi e inglesi e il ritorno di Danimarca, Ucraina e Svezia che mancavano da qualche anno.
Il mondo della grande vela d’altura ha risposto alla chiamata della Rolex Middle Sea Race e i big della vela, infatti, sono tanti: Adrian Stead, Vincenzo Onorato, Flavio Favini, Branko Bircn, Ian Moore e Mikey Muller solo per citarne alcuni.
Fra i monoscafi non poteva mancare George David con Rambler 88, vincitore della passata edizione e detentore del record della regata (1g, 23h, 55’ e 3”) imbattuto dal 2007.
Nella categoria multiscafi, oltre a Maserati Multi70, sono tre i team da seguire: gli inglesi di Phaedo3 (l’altro MOD70 della flotta), e i 50 piedi Ciela Village e Fenetrea Cardinal.
Ad affiancare Giovanni Soldini in questo primo appuntamento agonistico di Maserati Multi70 c’è un Team rodato e affiatato da giri del mondo, regate oceaniche, record ancora imbattuti, un bagaglio di esperienze più che unico sui multiscafi e tanti mesi di allenamento e cantiere vissuti insieme.
Alcuni sono fedelissimi velisti compagni d’avventura di Soldini formatisi nella grande scuola dell’altura italiana, come Guido Broggi e Francesco Malingri, rispettivamente boat captain e mediaman di Maserati Multi70. Professionisti del mondo dei multiscafi francesi come Jean-Baptiste Vaillant, protagonista di campagne oceaniche su maxi del calibro di Banque Popolaire V e consulente di Oracle. Accanto ai veterani degli oceani, due giovani ma esperti spagnoli, entrambi già a bordo di Maserati Volvo70: Carlos Hernandez, con due Volvo Ocean Race alle spalle, e Oliver Herrera Perez con un passato su Ims, Swan e J80 prima degli oceani con Soldini.
Completa la formazione il monegasco Pierre Casiraghi, che ha iniziato a navigare su Maserati nel 2014 e ora sale a bordo fresco del Racing Tour 2016 sui catamarani volanti GC32. 
«Sono contento dell’equipaggio per la Rolex Middle Sea Race, tutti conoscono bene la barca e ancora una volta a Malta hanno messo cuore e passione davanti a tutto», commenta Giovanni Soldini. «Lavoriamo insieme da mesi per ottimizzare Maserati Multi70 e migliorarci. Solo Pierre sale per la prima volta, ma ha già regatato con noi sul monoscafo e ha fatto esperienza sui catamarani volanti».
Dal punto di vista meteo, la regata conferma il pattern di ieri con una partenza di bolina e un regime di venti da Ovest di intensità non superiore ai 15 nodi fino allo Stretto di Messina e poi rinforzo nella parte Sud del percorso, sul finale della corsa.
Condizioni che potrebbero rendere più impegnativa la regata di Maserati Multi70, come conferma Soldini: «Vicino a Messina ci sarà un po’ da soffrire perché noi abbiamo la deriva ancora con la pinna più corta di quella Mod standard. Non so bene come andremo rispetto a Phaedo3 perché le barche hanno un assetto diverso: la nostra deriva è un metro più corta, ha l’ala attaccata e maggiore superficie bagnata. Questo ci può aiutare in qualche condizione (anche se la nostra deriva ha senso se è montato anche il foil a L e si vola), ma in altre ci penalizza un po’. Il vento dovrebbe aumentare quando arriviamo sulla punta Ovest della Sicilia, dove ci aspetta bolina con 25 nodi. Come al solito venderemo cara la pelle».
 
L’equipaggio di Maserati Multi70
 
Giovanni Soldini, skipper (IT)
Guido Broggi, boat captain (IT)
Jean-Baptiste Vaillant, velaio-trimmer (FR)
Carlos Hernandez, prodiere (ESP)
Oliver Herrera Perez, prodiere (ESP)
Pierre Casiraghi, manovre (MC)
Francesco Malingri, mediaman (IT)


21/10/2016 18:07:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Cinquecento, la faccia dura dell'Adriatico

La Cinquecento X2 e XTutti è la grande vela d’altura del Circolo Nautico Santa Margherita

Il Trofeo SIAD-Bombola d’Oro al via. Vicina quota 100 Dinghy in acqua

Organizzato dallo Yacht Club Italiano con la collaborazione della Associazione Italiana Classe Dinghy 12’ , del Circolo Velico di Santa Margherita Ligure e del Circolo Nautico di Rapallo. Il trofeo inizierà il prossimo 19 maggio nelle acque di Portofino

Firmato da Marina Cala de' Medici il protocollo di insediamento per le aree di crisi di Livorno e Piombino

Due accordi di programma tra Governo nazionale, Regione Toscana ed Enti locali relativi a progetti industriali finalizzati a garantire nuova occupazione nella aree di crisi industriale della fascia costiera

Friuli: l'adrenalina pura della "Caccia al Tonno Rosso"

In Friuli dal 16 giugno inizia la stagione della pesca al tonno rosso, un Big Game che si pratica in alto Adriatico dal 1970. E per chi ama la fotografia subacquea i fondali di Lignano saranno una scoperta incredibile

La Fraglia Vela Riva con il progetto FIV-MIUR VelaSCUOLA

In pieno svolgimento alla Fraglia Vela Riva il progetto della Federazione Italiana Vela “VelaScuola” Kinder + Sport, che fa conoscere la vela a centinaia di ragazzi

Veneto e Friuli Venezia Giulia insieme nel brand "Alto Adriatico"

L’idea è di unire le forze per presentare all’estero le spiagge delle due regioni sotto un unico brand ispirato all’area geografica di appartenenza: l’Alto Adriatico

Mare: allarme plastica

Quante micro e nano plastiche ci sono in mare? E quali effetti hanno sulla catena alimentare? Da dove provengono e quali sono le soluzioni applicabili?

Ad Eraclea gli atleti Optimist del Circolo della Vela Mestre con Giovanni Grandi sul gradino piu’ alto del podio

Quasi 60 ragazzini, di cui 25 Juniores e 34 Cadetti, si sono sfidati nelle acque di Eraclea con un vento molto difficile, instabile e in continua rotazione verso destra, di intensità iniziale di 7 nodi e provenienza da Nord Est nella prima prova

Riva di Traiano - La Maddalena: parte il 2 giugno la 1000 Vele per Garibaldi

125 miglia di traversata e due regate costiere nell'arcipelago de La Maddalena

Manca poco al 37° Campionato Nazionale Open J24

Conto alla rovescia per l’appuntamento più atteso della stagione del monotipo a chiglia fissa più popolare al mondo, protagonista dal 23 al 28 maggio nell’incantevole cornice de La Maddalena

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci