sabato, 18 novembre 2017


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

surf    clima    j24    melges 40    volvo ocean race    protagonist    disabili    riva    nautica    windsurf    attualità    guardia costiera    mare   

CAMPIONATI INVERNALI

Ad Otranto la III regata "Piu' Vela per Tutti"

ad otranto la iii regata quot piu vela per tutti quot
redazione

La terza regata del campionato invernale è stata dedicata a Lele Coluccia, grande uomo di mare, scomparso qualche giorno fa, dopo una lunga vita passata per i mari del mondo con la sua due alberi “Idea Due”. Lascia un gran vuoto tra le banchine del porto di Otranto, dove è stato uno dei primi velisti in tempi in cui si vedevano poche barche con gli alberi, e un maestro per tanti dei regatanti di “Più Vela per Tutti”.
Nella giornata di ieri, sotto un cielo plumbeo, mare color metallo, tuoni che rombavano sotto la coltre di nubi spesse, il grande assente è stato il vento. A dispetto della promessa dei vari siti meteo (tanto cari e preziosi ai velisti) di uno Scirocco sostenuto, anche la terza regata è stata una “regata da nervi saldi”, una tensione continua cercando di afferrare e non perdere le “bavette” di vento che improvvisamente cessavano del tutto. A detta di chi ieri era ad Otranto, con lo sguardo verso il largo, la scena davanti agli occhi era surreale, una flotta di barche a vela che parevano ferme sul mare che era un immenso mantello di velluto blu scuro, con il dubbio che non si trattasse di una regata. E non a torto. Infatti, il percorso a triangolo di 10 miglia, con campo Sud verso la Baia dell’Orte, è stato ridotto ad un solo giro a causa del vento che andava scemando. Ma tra le 13 barche in acqua ancora una volta è stato il Platu 25 “El Nino” a partire leggero, oramai ribattezzato “il martin pescatore di Otranto”, capeggiando la flotta sino al taglio del traguardo, arrivando primo in reale e secondo in compensato. Seguito pochi minuti dopo da un’altra barca di categoria B, il j24 “Il Gabbiere”, che vince in compensato e mantiene per ora il primo posto di Categoria e primo posto nella Classifica Generale. Terzo a tagliare la linea del traguardo è stato il Grand Soleil 40 “Morgan”, categoria A (più grandi e pesanti e maggiormente penalizzate dal poco vento), ma è l’X-412 “Great Expectations” che, arrivato poco più di un minuto dopo, si è aggiudicato il terzo posto in compensato, mantenendo il primo posto nella sua categoria. Nella categoria C l’Hurley 800 “Tara”, pur essendo partito con grande ritardo, è riuscito a disputare una buona gara, arrivando quinto in compensato così da rimanere saldo al primo posto di categoria. Una regata tecnica quella di ieri, dove bastava un errore di valutazione per perdere il passo, come è successo ad una delle favorite del campionato, il Dufour 38 “Aspasia”, oppure uno scoramento, cosa accaduta al Passatore 71 “Phoenicussa” che si è ritirato a metà gara.
Arrivi in compensato III regata:
“Il Gabbiere” (j24)
“El Nino” (Platu 25)
“Great Expectations” (X-412)
Classifica Generale per Categoria:
Categroria A
“Great Expectations” (X-412), 13 punti
“Gavia” (Elan 37), 21 punti
“Morgan” (Grand Soleil 40), 24 punti
Categoria B
“Il Gabbiere” (j24), 5 punti
“Aspasia” (Dufour 350), 17 punti
“El Nino” (Platu 25), 21 punti
Categoria C
“Tara” (Hurley 800), 14 punti
“Boomerang” (Grand Soleil 34), 28 punti
“Pattychiari (Sun Odissey 32), 31 punti
Prossimo appuntamento: domenica 26 novembre


13/11/2017 13:17:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Ad Otranto la III regata "Piu' Vela per Tutti"

In onore di Lele Coluccia, grande uomo di mare

"Caccia ai pirati somali” il libro di Gualtiero Mattesi

L’Ammiraglio Mattesi, Comandante del gruppo di 5 navi sotto insegne NATO nell’operazione «Ocean Shields», ha spiegato che i pirati attuali, altro non sono che criminali senza scrupoli

Marina Cala de’ Medici, riprendono i lavori in diga foranea per l’allungamento della berma sommersa

Stamani l’incontro in Porto della 4ª Commissione Consiliare del Comune di Rosignano M.mo col Prof. Aminti per l’aggiornamento sullo stato lavori

Transat Jacques Vabre: strambata involontaria per Giancarlo Pedote

Inizio di regata movimentata per Fabrice Amedeo e Giancarlo Pedote, che però reagiscono cercando di recuperare una posizione, miglio dopo miglio

Volvo Ocean Race: incontri ravvicinati del tipo equatoriale

Per la prima volta dall’inizio della seconda tappa, sono meno di 50 le miglia che separano il leader dal settimo team, la flotta si è compattata e le calme equatoriali stanno rispettando la loro fama

FVG Marinas: il 2017 si chiude con un +30% di transiti

Rete FVG Marinas Network: è tempo di bilanci. 30% in più di transiti nei Marina del Friuli Venezia Giulia nella stagione turistica

Montura presenta la linea Keep Sailing

Linea di abbigliamento destinato alla nautica e all'agonismo velico ricca di soluzioni innovative e realizzata con tecnologie applicate per la prima volta nel mondo della vela

La vela d’altura protagonista a Viareggio per la chiusura della stagione agonistica del Club Nautico Versilia

La tradizionale manifestazione è stata affiancata da una graditissima novità che invitava i regatanti a raccontare, attraverso immagini fotografiche, tutte le fasi della regata, il proprio equipaggio, la propria barca o le imbarcazioni avversarie

Transat Jacques Vabre: vittoria e record per Sodebò

Thomas Coville e Jean Luc Nélias hanno tagliato il traguardo della 13ma Transat Jacques Vabre vincendo nella categoria Ultimes davanti a Sebastien Josse e Thomas Rouxel

Nauta firma il Tender 48’ dei cantieri Maxi Dolphin di Erbusco

Nasce come progetto di imbarcazione veloce da appoggio e connessione per un superyacht di maggiori dimensioni; è dotata di un bottazzo continuo e morbido di protezione che agevola l’appoggio alla barca “madre”

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci