sabato, 25 marzo 2017


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

altura    fraglia vela riva    regate    press    derive    seatec    turismo    formazione    barcolana    suzuki    cala de medici    vela oceanica    guardia costiera    circoli nautici   

SUZUKI

800 buoni motivi in più per scegliere il Suzuki DF40A

L’anno nautico 2017, al via dallo scorso settembre 2016, sembra davvero essere partito sotto i migliori auspici.
Lo Yachting Festival di Cannes e il Salone di Genova, appena concluso, hanno decretato il ritorno di tanti appassionati alla nautica e hanno anche attestato la presenza di una nuova generazione di neofiti interessati alla navigazione. Ed è a questi ultimi, a chi ha approfittato dei primi saloni nautici di quest’anno per andare a curiosare fra barche e gommoni, che si rivolge soprattutto la nuova iniziativa commerciale di Suzuki.
Fino al prossimo 31 marzo 2017, infatti, sarà possibile acquistare il Suzuki DF40A, fuoribordo conducibile senza l’obbligo di patente nautica e dunque un motore che ben si adatta alle necessità dei principianti, con un contributo di ben 800 euro dal prezzo di listino, cumulabile al tasso zero e alla supervalutazione dell’usato.
Un supporto commerciale importante per un fuoribordo che risulta essere un vero e proprio concentrato di tecnologia e, come l’intera gamma Suzuki, rappresenta il meglio che il mercato possa offrire, anche nella specifica fascia di potenza dei 40HP.
Il DF40A è un 40 HP quattro tempi, tre cilindri di 941 cc che gli conferiscono un’unità termica particolarmente compatta rispetto ai quattro cilindri e dunque anche più leggera: solo 102 chili il suo peso a secco e questo è indubbiamente un bel vantaggio in termini di rapporto peso/potenza, e anche per il bilanciamento dei pesi a bordo nella ricerca di un assetto ottimale.
Oltre ai vantaggi decretati da tale tipo di architettura, un grande punto a favore rispetto ad altri fuoribordo da 40HP, tale da renderlo unico, sta nel fatto che il DF40A porta in dote un sistema di distribuzione con doppio albero a camme in testa (DOHC), azionato da una catena in luogo di una “normale” cinghia. Tale soluzione garantisce un’affidabilità ben oltre la norma, in quanto il rischio di rottura è di fatto annullato e, soprattutto, toglie pensieri al diportista perché, anche di fronte a un uso particolarmente prolungato del fuoribordo, il sistema non necessita più di alcun intervento di manutenzione.
Ma non è tutto: a fare la differenza c’è anche il sistema Lean Burn, l’interpretazione del concetto di combustione magra fornita da Suzuki, grazie al quale a velocità costante e dunque in crociera, si ottiene un notevole abbattimento dei consumi. Il sistema è in grado di analizzare in maniera puntuale l’effettivo bisogno di carburante dell’unità termica in funzione delle condizioni di lavoro del motore, adattando la miscela aria-carburante in modo ottimale e continuo, dando vita alla combustione magra che riduce i consumi e le emissioni nocive. Questo sistema entra in funzione tra i 1.500 e i 5.000 giri/min, ottenendo massima efficacia a 4.500 giri, regime di rotazione nel quale i condotti alle camere di scoppio


28/09/2016 20:54:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Il Centro Velico Caprera compie cinquant’anni

E per l’occasione ha presentato oggi a Milano il suo progetto di responsabilita’ ambientale, etica e sociale in partnership con realta' di eccellenza

Mini 6.50: all'Arcipelago 650 si cerca il vento

Corrono insieme anche due dei protagonisti della prossima Roma per 1/2/Tutti, Ambrogio Beccaria e Luca Sabiu. DOpo i 10 nodi di ieri, oggi solo 4 nodi da Ovest per una flotta compatta

Roma per 1: la vela "No Frills" di Riva di Traiano fa tendenza

Sette solitari e diciannove equipaggi in doppio. Al momento più della metà della flotta in partenza per la Roma per1/2/Tutti non è in equipaggio

CICO 2017: Mattia Camboni è Campione Italiano con un giorno d'anticipo

Un titolo che invece è ancora in ballo nella flotta femminile, dato il distacco tra la leader Marta Maggetti (Fiamme Gialle) e l’Olimpionica di Rio Flavia Tartaglini (Fiamme Gialle)

Mini 6.50: Andrea Fornaro vince l’Arcipelago 650 in classe Proto

Di nuovo in coppia col canario Oliver Bravo de Laguna Fornaro sembra soddisfatto di questa prima regata italiana della stagione, nonostante le difficoltà dovute ad una messa a punto avvenuta praticamente in acqua

Coppa Adriatico, la novità targata Il Portodimare

La regata si disputerà a Chioggia dal 12 al 14 maggio ed ai vincitori di classe garantirà l'iscrizione gratuita al Campionato Italiano Assoluto di vela d'altura di Monfalcone

Morgan IV vince il Campionato Invernale di Vela d'Altura di Bari

Vincitori per la minialtura “Cocò” di Natuzzi Vitantonio con Marco Magrone al timone (CN Bari). A loro si aggiungono i vincitori delle diverse categorie e quelli della classe libera

La conclusione del CICO 2017 di Ostia

I titoli Italiani sono andati a Mattia Camboni (RS:X M), Francesco Marrai (Laser Standard), Joyce Floridia (Radial), Marta Maggetti (RS:X F), Ratti-Porro (Nacra 17), Tita-Zucchetti (49er)

Fincantieri: a Marghera al via i lavori in bacino per “Nieuw Statendam”

Il blocco dell’unità, lungo 11,3 metri, largo 34,8 e dal peso di 260 tonnellate, fa parte della sezione di centro nave di “Nieuw Statendam”, la cui consegna è prevista alla fine del 2018

Tavola rotonda al Porto Marina Cala de’ Medici con l’Assessore regionale Stefano Ciuoffo

Temi cardini integrazione Porto-territorio e del prossimo salone di Viareggio

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci