sabato, 25 marzo 2017


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

press    derive    seatec    turismo    formazione    fraglia vela riva    barcolana    regate    suzuki    cala de medici    vela oceanica    guardia costiera    circoli nautici    altura    nautica   

52 SUPER SERIES

52 World Championship: 24 ore al via

52 world championship 24 ore al via
redazione

Minorca è un’isola che difficilmente darà condizioni uguali ogni giorno, lo dicono tutti e oggi la practice race si è disputata con un vento intorno agli 8 nodi di intensità che ha evidenziato un certo livellamento della flotta, dodici i Tp52 da 8 nazioni per darsi battaglia, ma già domani con un vento più sostenuto, alla prima prova valida per il campionato, sarà tutta un’altra musica.

Si parte con degli start di riscaldamento, la grinta non manca, Alegre e Sled si prendono un OCS che non vale molto, visto che oggi la regata è puramente di prova e probabilmente molti cercano soluzioni più “aggressive” in modo da poter tarare al meglio i propri target. Paprec, Azzurra e Quantum sono il terzetto che domina alla prima boa, i francesi con aria leggera hanno sempre qualcosa da dire, staremo a vedere. C’è subito uno split nel lato di poppa e Azzurra va dal lato meno favorevole, il resto del terzetto insieme a Platoon sta nel mezzo del campo di regata. Bronenosec si infila al centro e gira in seconda posizione dietro a Quantum. I “ragazzi italiani” capitanati dal russo Vladimir Liubomirov hanno un buon passo, prendono la testa, ma poco conta se alla fine Quantum si prende la vittoria del warm up, quello che vale è che la barca va, il lavoro fatto nelle scorse settimane paga, ora tocca al team fare la differenza. Vince Quantum, davanti a Bronenosec, Platoon, Azzurra, Provezza, Rán, Paprec, Phoenix, Alegre, Sorcha, Gladiator e Sled.

Rientrati ai box i dodici “formula 1” del mare saranno al meglio per il primo start, domani alle 12.30, in quello che si annuncia uno degli eventi iridati più combattuti degli ultimi anni. In banchina si respira quel mix tra concentrazione e tanta voglia di far bene, per quelli che devono dimostrare che possono salire sul podio, quelli che devono confermare il titolo vinto e quelli che fino ad oggi hanno vinto tutto quello che c’era da vincere.

Guillermo Parada (ARG), timoniere di Azzurra (ITA):

“Siamo entusiasti. Abbiamo un titolo mondiale da difendere e noi vogliamo tenerlo per altri 12 mesi. Abbiamo un paio di nuove vele, abbiamo modificato la nostra randa e apportato alcune ulteriori modifiche al set up della barca e quindi siamo fiduciosi che la nostra velocità sarà un passo avanti rispetto all’ultima tappa di Porto Cervo. Speriamo di poter dare il massimo in tutti i reparti, dalle partenze, alla velocità, alla tattica, alle manovre e tutte quelle che sono le qualità da mettere in campo per fare bene. Avere i campionati del mondo qui nel bel mezzo della stagione è una grande opportunità. Qui si parte da zero con due risultati in palio, il titolo iridato le quarta tappa delle 52 SUPER SERIES. Siamo qui per vincere i campionati del mondo e far vedere che Quantum Racing non può vincere in tutta la stagione. Quindi penso che la possibilità di ripartire da zero e puntare al titolo mondiale è di sicuro una motivazione in più per noi.”

Alberto Barovier (ITA), team manager e prodiere di Bronenosec (RUS):

“Una buona giornata per noi, abbiamo recuperato la velocità della scorsa stagione e siamo molto contenti di questo, il programma delle vele ha subito un netto miglioramento, per cui dovremmo avere delle performance in crescendo verso il fine di stagione. Siamo motivati e coscienti di poter essere protagonisti in questo evento, un secondo posto nella practice race ci soddisfa. Oggi abbiamo preso la destra e siamo stati consistenti. Domani ci aspettano condizioni diverse, ci saranno venti nodi di vento e dovrebbe essere una giornata intensa, per iniziare al massimo questo campionato mondiale, noi ci siamo preparati per essere al massimo.”

Paul Cayard ( USA) skipper di Phoenix ( USA):

“E ‘ tutto un po’ in salita per noi. Il nostro obiettivo era di entrare a far parte del circuito il prossimo anno , ma siamo qui e siamo felici di essere qui . Questi ragazzi sono molto veloci . Non credo che abbiamo abbastanza tempo per avere una buona velocità. Ogni sera nel debriefing ogni cerchiamo di capire la direzione da prendere. Con Steve Calder (North Sails designer) stiamo cercando di migliorare sotto il profilo delle vele. Il nostro obbiettivo è di finire a metà della flotta. Questa è la mia aspettativa, ma vedremo come va.”

Bruno Zirilli (ITA) navigatore di Azzurra (ITA):

“Oggi il vento era abbastanza oscillante, con tendenza a destra, una regata per così dire a random, per la possibilità di scelta. Noi siamo andati bene nella prima bolina e nella poppa, mentre nella seconda parte siamo andati un pò dal lato opposto perdendo qualche posizione, cercando però di capire al meglio il campo di regata, recuperando verso la fine. Un quarto posto che ci soddisfa. Per domani è previsto un fronte di vento forte, dovrebbe calare verso la fine della settimana e questo potrebbe creare non poche difficoltà per via delle oscillazioni tipiche di queste zone con queste previsioni di raffiche sparse qua e là. Non è un posto facile, abbiamo già regatato qui con i maxi, siamo abituati a questo tipo di imprevedibilità del vento, staremo a vedere. Qui, un giorno può essere diverso dall’altro.



13/09/2016 20:46:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Il Centro Velico Caprera compie cinquant’anni

E per l’occasione ha presentato oggi a Milano il suo progetto di responsabilita’ ambientale, etica e sociale in partnership con realta' di eccellenza

Mini 6.50: all'Arcipelago 650 si cerca il vento

Corrono insieme anche due dei protagonisti della prossima Roma per 1/2/Tutti, Ambrogio Beccaria e Luca Sabiu. DOpo i 10 nodi di ieri, oggi solo 4 nodi da Ovest per una flotta compatta

Roma per 1: la vela "No Frills" di Riva di Traiano fa tendenza

Sette solitari e diciannove equipaggi in doppio. Al momento più della metà della flotta in partenza per la Roma per1/2/Tutti non è in equipaggio

CICO 2017: Mattia Camboni è Campione Italiano con un giorno d'anticipo

Un titolo che invece è ancora in ballo nella flotta femminile, dato il distacco tra la leader Marta Maggetti (Fiamme Gialle) e l’Olimpionica di Rio Flavia Tartaglini (Fiamme Gialle)

Mini 6.50: Andrea Fornaro vince l’Arcipelago 650 in classe Proto

Di nuovo in coppia col canario Oliver Bravo de Laguna Fornaro sembra soddisfatto di questa prima regata italiana della stagione, nonostante le difficoltà dovute ad una messa a punto avvenuta praticamente in acqua

Coppa Adriatico, la novità targata Il Portodimare

La regata si disputerà a Chioggia dal 12 al 14 maggio ed ai vincitori di classe garantirà l'iscrizione gratuita al Campionato Italiano Assoluto di vela d'altura di Monfalcone

Morgan IV vince il Campionato Invernale di Vela d'Altura di Bari

Vincitori per la minialtura “Cocò” di Natuzzi Vitantonio con Marco Magrone al timone (CN Bari). A loro si aggiungono i vincitori delle diverse categorie e quelli della classe libera

La conclusione del CICO 2017 di Ostia

I titoli Italiani sono andati a Mattia Camboni (RS:X M), Francesco Marrai (Laser Standard), Joyce Floridia (Radial), Marta Maggetti (RS:X F), Ratti-Porro (Nacra 17), Tita-Zucchetti (49er)

Fincantieri: a Marghera al via i lavori in bacino per “Nieuw Statendam”

Il blocco dell’unità, lungo 11,3 metri, largo 34,8 e dal peso di 260 tonnellate, fa parte della sezione di centro nave di “Nieuw Statendam”, la cui consegna è prevista alla fine del 2018

L'Arcipelago 650 in salsa francese

All’1 e 44 minuti della mattina del 19 marzo i primi a tagliare il traguardo sono gli skipper di FRA 868 Alternative Sailing, i bravissimi Remì Aubrun e Nicolas Ferrelel

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci