giovedí, 26 aprile 2018

ASSO99

50^ Trofeo Riccardo Gorla Classe Asso 99 Ottavo Sigillo per Assterisco

Un grande successo per Assterisco, primo tra gli Asso al traguardo di questa 50^ edizione del Trofeo Riccardo Gorla, seconda classica lunga gardesana, organizzata come di consueto dal Circolo Vela Gargnano, che ha visto più di 150 imbarcazioni sulla linea di partenza.
Piergiorgio Zamboni e il suo storico team – Pierluigi Omboni, Paolo Moccia, Marco “Bubu” Carattoni, Fabrizio Butturini e Pietro “Pierino” Biemmi – in 6 ore, 39 minuti e 28 secondi, conquistano il Gorla per il secondo anno consecutivo e per l’ottava volta nella storia della regata.
Una long distance combattuta fino alla fine, che si conclude con un distacco di soli due minuti tra Assterisco e Assatanato Vetrocar, condotto da Ivano Brighenti e dal resto dell’equipaggio Campione Italiano in carica, che chiude al secondo posto.
Terzo Sconquasso AC&E, dello skipper veronese Andrea Farina, timonato dalla vecchia gloria di Star e Finn, Albino Fravezzi.
Andrea Farina che – insieme a Luca Modena, Massimo Marega, Gino Zampieri, Emanuele Zampieri, Stefano Nicolussi e Francesco Rossi – è uno dei vincitori assoluti di questo 50° Gorla, a bordo del maxi catamarano Extreme 40 AC&E, che sbaraglia la concorrenza di North West Garda Sailing e Extream Sailing Team, tagliando la linea di traguardo in 4 ore e 20 minuti.
Tredici gli Asso che sono partiti alle 8:30 di domenica 4 settembre, da Bogliaco, per girare le boe di Riva, Torbole, Brenzone e fare ritorno al punto d’origine.

Una regata caratterizzata da sorpassi, controsorpassi e colpi di scena.

Dopo un’ottima partenza, a destra, per Assterisco, prendono la testa Assatanato e Idefix, dell’armatore e timoniere Marco Cavallini, seguiti dal tedesco Grassober, dell’armatore Karl Camerer e timonato da Leopold Fricke.

Mentre soffia il Peler, inizia la rimonta di Assterisco che, dalla quarta posizione, lo porta fino in seconda, dietro ad Assatanato.

Il cambio di vento avviene poco dopo Limone, quando l’aria da nord comincia a calare per lasciare lentamente spazio all’Ora del sud. Brighenti e compagni si trovano ora molto vicini alla costa e Assterisco, puntando al centro del lago, supera anche Assatanato, girando la boa di Riva con due minuti di vantaggio.

Nella discesa da Riva l’aria inizi a farsi più sostenuta, portando le barche in planata fino a Navene. Ma, una volta raggiunto Malcesine, un buco di vento rallenta notevolmente la corsa al traguardo.

Brighenti punta basso, in direzione di Campione; Assterisco sceglie di mantenersi dritto nell’interno del lago, nel tentativo di non perdere la posizione guadagnata. Tattica che si rivela controproducente e porta Assatanato di nuovo in vantaggio, sulla boa di Brenzone.

Ma Assterisco non molla il colpo e riguadagna terreno nel tratto finale tra Brenzone e Bogliaco, tagliando il traguardo con due minuti di anticipo su Assatanato-Vetrocar.

Quarto posto per Leopold Fricke su Grassober.

Quinti i Cavallini, su Idefix.

Sesto posto per la giovanissima Clelia Sessa, a bordo dell’Asso della Società Canottieri Garda Salò, Icas.

Settimo Aron-Confusione, di Elena Reboldi e con Paolo Virgenti al timone.

Chiude ottavo Michelass, dell’armatrice e timoniera Francesca Ferrari.

Nono il Principe Luitpold di Baviera, al timone della sua Konig Ludwig.

Decimo Paterasso, dell’onnipresente Andrea Farina, timonato da Hanno Kirchhoff.

Undicesimo Non Si Sa Mai, armato da Herman Stricker e timonato da Federico Tonezzer.

Dodicesima posizione per Diegro Petrucci e il suo Sir Lancelot.

E infine, chiude al tredicesimo, Masquerada, new entry di quest’anno, di Carlo Vicentini e con Alessandro Pasotti al timone.

Pochi giorni di respiro e la Classe si preparerà già ad affrontare l’ultima e più impegnativa delle tre lunghe classiche gardesane: la 66^ Centomiglia del Garda, che si correrà sabato 10 e domenica 11 settembre.


05/09/2016 21:09:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Francesca e Giovanna, facce da Mini

La Marina Militare e l'Aeronautica militare hanno affidato i loro colori a due ottime veliste come Giovanna Valsecchi e Francesca Komatar

Luise Group: nuovi uffici a Portofino, Viareggio, Capri e Castellammare di Stabia

Il viaggio partito da Napoli nel 1847 della famiglia Luise continua dunque nei porti più importanti al mondo, con l'apertura di nuovi uffici e creando addirittura a Napoli nuovi dipartimenti tecnici

A Brenzone i monotipi d'acqua dolce

Nella flotta dei Dolphin vince proprio il detentore del titolo tricolore, "Fantastica" della sorelle Navoni della Fraglia Desenzano, scafo condotto da Davide Bianchini (Canottieri Garda) con ben 4 primi posti su 6 manche

“Una Vela Senza Esclusi” diventa una tappa del progetto Sailing For Health

Tante le novità di questa edizione, a partire dalla flotta che accanto alle Azzurre 600 vedrà sfidarsi anche le nuove Hansa 303, imbarcazioni affidate dal Panathlon Club Palermo alla L.N.I. e finalizzate alla formazione atletica dei ragazzi diversabili

VOR: Scallywag è arrivato, oggi la Itajaì In-Port Race

Scallywag è arrivato nel porto di Itajaì dopo un lungo viaggio dal Cile, e affronta una corsa contro il tempo per poter prendere parte alla ottava tappa. Gli altri sei team invece si preparano per la Itajaí In-Port Race di oggi

La Settimana Velica Internazionale Accademia Navale e Città di Livorno 2018”

600 imbarcazioni, 1000 regatanti e 9 circoli velici impegnati in 15 classi di regate

Ieri Norwegian Cruise Line ha preso in consegna la Norwegian Bliss

La nuova nave di Norwegian Cruise Line debutta in Europa prima di iniziare il suo tour inaugurale intorno agli Stati Uniti. La cerimonia ufficiale di battesimo si terrà a Seattle, nello Stato di Washington

La Regata dell'Accademia Navale

Alla gara, che sarà valida anche come tappa di qualificazione per la regata “Madeira Race 950”, possono partecipare le imbarcazioni d’altura Maxi, IRC/ORC e 9.50

Lab Boat: navigare con la scienza

Lunedì a Cagliari laboratori didattici per le scuole e seminari per il pubblico

Senza vento la Bolina è più Lunga

Difficoltà in partenza per la Lunga Bolina, che ha sofferto per un vento latitante per quasi tutto il percorso

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci