lunedí, 27 marzo 2017


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

classi olimpiche    fraglia vela riva    altura    regate    press    derive    seatec    turismo    formazione    barcolana    suzuki    cala de medici    vela oceanica   

ASSO99

50^ Trofeo Riccardo Gorla Classe Asso 99 Ottavo Sigillo per Assterisco

Un grande successo per Assterisco, primo tra gli Asso al traguardo di questa 50^ edizione del Trofeo Riccardo Gorla, seconda classica lunga gardesana, organizzata come di consueto dal Circolo Vela Gargnano, che ha visto più di 150 imbarcazioni sulla linea di partenza.
Piergiorgio Zamboni e il suo storico team – Pierluigi Omboni, Paolo Moccia, Marco “Bubu” Carattoni, Fabrizio Butturini e Pietro “Pierino” Biemmi – in 6 ore, 39 minuti e 28 secondi, conquistano il Gorla per il secondo anno consecutivo e per l’ottava volta nella storia della regata.
Una long distance combattuta fino alla fine, che si conclude con un distacco di soli due minuti tra Assterisco e Assatanato Vetrocar, condotto da Ivano Brighenti e dal resto dell’equipaggio Campione Italiano in carica, che chiude al secondo posto.
Terzo Sconquasso AC&E, dello skipper veronese Andrea Farina, timonato dalla vecchia gloria di Star e Finn, Albino Fravezzi.
Andrea Farina che – insieme a Luca Modena, Massimo Marega, Gino Zampieri, Emanuele Zampieri, Stefano Nicolussi e Francesco Rossi – è uno dei vincitori assoluti di questo 50° Gorla, a bordo del maxi catamarano Extreme 40 AC&E, che sbaraglia la concorrenza di North West Garda Sailing e Extream Sailing Team, tagliando la linea di traguardo in 4 ore e 20 minuti.
Tredici gli Asso che sono partiti alle 8:30 di domenica 4 settembre, da Bogliaco, per girare le boe di Riva, Torbole, Brenzone e fare ritorno al punto d’origine.

Una regata caratterizzata da sorpassi, controsorpassi e colpi di scena.

Dopo un’ottima partenza, a destra, per Assterisco, prendono la testa Assatanato e Idefix, dell’armatore e timoniere Marco Cavallini, seguiti dal tedesco Grassober, dell’armatore Karl Camerer e timonato da Leopold Fricke.

Mentre soffia il Peler, inizia la rimonta di Assterisco che, dalla quarta posizione, lo porta fino in seconda, dietro ad Assatanato.

Il cambio di vento avviene poco dopo Limone, quando l’aria da nord comincia a calare per lasciare lentamente spazio all’Ora del sud. Brighenti e compagni si trovano ora molto vicini alla costa e Assterisco, puntando al centro del lago, supera anche Assatanato, girando la boa di Riva con due minuti di vantaggio.

Nella discesa da Riva l’aria inizi a farsi più sostenuta, portando le barche in planata fino a Navene. Ma, una volta raggiunto Malcesine, un buco di vento rallenta notevolmente la corsa al traguardo.

Brighenti punta basso, in direzione di Campione; Assterisco sceglie di mantenersi dritto nell’interno del lago, nel tentativo di non perdere la posizione guadagnata. Tattica che si rivela controproducente e porta Assatanato di nuovo in vantaggio, sulla boa di Brenzone.

Ma Assterisco non molla il colpo e riguadagna terreno nel tratto finale tra Brenzone e Bogliaco, tagliando il traguardo con due minuti di anticipo su Assatanato-Vetrocar.

Quarto posto per Leopold Fricke su Grassober.

Quinti i Cavallini, su Idefix.

Sesto posto per la giovanissima Clelia Sessa, a bordo dell’Asso della Società Canottieri Garda Salò, Icas.

Settimo Aron-Confusione, di Elena Reboldi e con Paolo Virgenti al timone.

Chiude ottavo Michelass, dell’armatrice e timoniera Francesca Ferrari.

Nono il Principe Luitpold di Baviera, al timone della sua Konig Ludwig.

Decimo Paterasso, dell’onnipresente Andrea Farina, timonato da Hanno Kirchhoff.

Undicesimo Non Si Sa Mai, armato da Herman Stricker e timonato da Federico Tonezzer.

Dodicesima posizione per Diegro Petrucci e il suo Sir Lancelot.

E infine, chiude al tredicesimo, Masquerada, new entry di quest’anno, di Carlo Vicentini e con Alessandro Pasotti al timone.

Pochi giorni di respiro e la Classe si preparerà già ad affrontare l’ultima e più impegnativa delle tre lunghe classiche gardesane: la 66^ Centomiglia del Garda, che si correrà sabato 10 e domenica 11 settembre.


05/09/2016 21:09:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Il Centro Velico Caprera compie cinquant’anni

E per l’occasione ha presentato oggi a Milano il suo progetto di responsabilita’ ambientale, etica e sociale in partnership con realta' di eccellenza

Roma per 1: la vela "No Frills" di Riva di Traiano fa tendenza

Sette solitari e diciannove equipaggi in doppio. Al momento più della metà della flotta in partenza per la Roma per1/2/Tutti non è in equipaggio

Edd China lascia Affari a 4 Ruote

a nuova produzione americana (Velocity Channel) gli aveva chiesto di non effettuare tutte le riparazioni per risparmiare tempo e soldi. "Questa nuova direzione non mi trova d'accordo, perché penso che venga compromessa la qualità del mio lavoro".

Mini 6.50: Andrea Fornaro vince l’Arcipelago 650 in classe Proto

Di nuovo in coppia col canario Oliver Bravo de Laguna Fornaro sembra soddisfatto di questa prima regata italiana della stagione, nonostante le difficoltà dovute ad una messa a punto avvenuta praticamente in acqua

Marina Cala de’ Medici diventa ora anche palestra di preparazione

Palestra di preparazione per gli armatori che hanno di recente acquistato i loro Mylius e si accingono alle prime prove in mare di regata, in attesa dei prossimi appuntamenti a livello italiano, europeo e mondiale

Tavola rotonda al Porto Marina Cala de’ Medici con l’Assessore regionale Stefano Ciuoffo

Temi cardini integrazione Porto-territorio e del prossimo salone di Viareggio

Morgan IV vince il Campionato Invernale di Vela d'Altura di Bari

Vincitori per la minialtura “Cocò” di Natuzzi Vitantonio con Marco Magrone al timone (CN Bari). A loro si aggiungono i vincitori delle diverse categorie e quelli della classe libera

Fincantieri: a Marghera al via i lavori in bacino per “Nieuw Statendam”

Il blocco dell’unità, lungo 11,3 metri, largo 34,8 e dal peso di 260 tonnellate, fa parte della sezione di centro nave di “Nieuw Statendam”, la cui consegna è prevista alla fine del 2018

Regata Nazionale 420: prima giornata a secco di vento

Il ricordo per il giudice e arbitro di regata Flavio Marendon

Comandanti e designer al Seatec 2017

Alla 15° edizione due delegazioni di comandanti di grandi yacht e di designer, s’incontrano con le aziende espositrici su tematiche comuni e dedicate

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci